Un'azione legale innovativa colpisce le violazioni del controverso istituto psichiatrico in Polonia

Cliente dell'HFHR fa causa contro erario e chiede risarcimento danni per violazioni al Centro nazionale per la prevenzione dei comportamenti dissociali per uso di misure coercitive, impedimento di contatto con famiglia e accesso all'assistenza sanitaria.

Un cliente della Fondazione Helsinki per i diritti umani in Polonia (HFHR) ha fatto causa contro l’erario, chiedendo il risarcimento danni per molteplici violazioni al Centro nazionale per la prevenzione dei comportamenti dissociali. Chiameremo il nostro cliente Joe per proteggere la sua identità. Le violazioni segnalate da Joe includevano la mancanza di accesso a un'adeguata assistenza sanitaria, il blocco dei contatti con la famiglia e l'uso di misure coercitive, oltre a tenere i detenuti in stanze sovraffollate per periodi prolungati.

La struttura controversa trattiene detenuti che hanno già completato la loro pena detentiva

Il Centro nazionale per la prevenzione dei comportamenti dissociali, istituito nel 2014, è un istituto post detentivo. I detenuti della struttura sono considerati una minaccia per la società a causa dei loro disturbi mentali, che creano un'alta probabilità di commettere un reato grave punibile con almeno 10 anni di reclusione. Ciò significa che i detenuti vengono trattenuti dopo aver scontato la pena detentiva.

La legge che ha introdotto la struttura è controversa. Chi la critica sostiene che i motivi per il collocamento di particolari detenuti al Centro erano ambigui e che la detenzione di persone al Centro avrebbe avuto uno scopo repressivo, piuttosto che terapeutico. Un'altra controversia riguarda il fatto che la legge permetteva di detenere le persone nella struttura anche se il reato era stato commesso prima della sua entrata in vigore. Molti critici sostengono che questo violi il divieto di applicazione retroattiva della legge. Tuttavia, nel novembre 2016, il Tribunale costituzionale ha stabilito che la legge che istituisce il centro era costituzionale.

Il centro è sovraffollato e i diritti dei detenuti sono spesso violati

Durante la stesura della legge, l'HFHR ha sostenuto che le misure proposte potrebbero violare le norme costituzionali e internazionali in materia di diritti umani. L'HFHR, oltre ad aver presentato una sintesi amicus curiae nel corso del procedimento di revisione costituzionale della legge, rappresenta uno dei detenuti del Centro dinanzi alla Corte europea dei diritti dell'uomo.

Inizialmente, il Centro avrebbe dovuto ospitare un piccolo gruppo di detenuti, composto principalmente da condannati a morte in epoca comunista, le cui condanne sono state commutate a 25 anni di reclusione ai sensi della legge di amnistia del 1989. Le autorità hanno sostenuto che i detenuti del Centro sarebbero stati ospitati in buone condizioni, anche in stanze singole. Tuttavia, si è rapidamente scoperto che il numero di detenuti era molto più elevato (attualmente supera i 60). Allo stesso tempo, il Centro non è riuscito ad ampliare la sua capacità di accoglienza per un numero così elevato di detenuti, con sufficiente rapidità. A causa di questo, ci sono stati periodi in cui le condizioni del Centro potevano essere classificate come sovraffollate. Anche i detenuti del Centro hanno i loro diritti arbitrariamente limitati, senza motivi legali. Il Diffesnore civico ha ripetutamente espresso la sua preoccupazione per la situazione della struttura. Anche il Comitato europeo per la prevenzione della tortura e delle pene o dei trattamenti inumani o degradanti (CPT) ha criticato le condizioni del centro.

Il nostro cliente Joe è stato collocato al centro nel dicembre 2015 e ci è rimasto da allora. La sua azione legale è volta ad ottenere un'ingiunzione contro l’erario per garantire le violazioni che ha subito, nonché il risarcimento dei danni per le violazioni passate. Joe ha anche chiesto un provvedimento provvisorio chiedendo alle autorità del centro di adottare determinate misure per prevenire le violazioni dei suoi diritti durante il procedimento.

Il personale che perquisisce i detenuti illegalmente e sistematicamente nega loro la privacy

Joe ci ha detto che il suo dormitorio ha una superficie di circa 27 metri quadrati, di cui poco più di 12 metri quadrati di superficie abitabile. C'erano da sei a otto detenuti per volta, che vivevano nella stanza, Joe compreso. Queste condizioni possono essere considerate come un sovraffollamento e una violazione del diritto alla privacy di Joe.

Joe sostiene anche che il personale del centro ha irragionevolmente interferito con la sua privacy quando sua moglie e sua figlia lo hanno visitato. Le visite si svolgono sempre in presenza di una guardia di sicurezza. Qualsiasi contatto fisico è vietato. Inoltre, ogni visita è seguita da una perquisizione del corpo che viene registrata. Non esiste una base legale per tali misure.

I detenuti devono partecipare ad attività terapeutiche, che includono sessioni di psicoterapia durante le quali si discute la loro vita sessuale. Joe si è lamentato del fatto che le confessioni personali fatte durante tali interviste non sono adeguatamente protette, in quanto sono registrate su appunti accessibili a tutto il personale del centro.

Joe sostiene anche che la dirigenza gli ha impedito di sottoporsi a una procedura medica per rimuovere una canna intramidollare che aveva impiantato nel 2015 dopo una lesione. Questa bacchetta causa a Joe dolore e disagio che ostacolano le sue attività quotidiane.